MENU

Enrico Nicodemo, in arte Demò – Biografia

PRESENTAZIONE

IL MIO PENSIERO

L’arte, in tutte le sue forme, rappresenta un qualcosa che é difficile da poter definire!
Qualcosa di sottile che vien fuori dal profondo dell’anima…sensazioni che annullano tutto cio’ 
che ti circonda!
L’ispirazione é un momento magico…mi sembra di vivere in un altro mondo, 
dove esiste solo una nuda tela e un’immensità di colori che devono mescolarsi tra di loro.
E’ in questo mondo, dove trovo la mia pace e dove appago la mia anima…Demo’.

 

 

ENRICO NICODEMO, IN ARTE DEMO`

Nasce in un piccolissimo paese a Sicilì, in provincia di Salerno il 12/12/1966, ma attualmente vive a Milano.
La pittura é la sua prima passione.
Fin da giovanissimo si dedica all’arte, sperimentando 
costantemente le varie tecniche pittoriche.
Preferisce la pittura ad olio con spatola, che alterna talvolta con colori acrilici e resina.
Amante di tutta la musica, in particolare di quella classica, suona il pianoforte,
 la chitarra e compone brani musicali con gli amici.
La musica è per lui motivo di ispirazione per la creazione pittorica e viceversa.
Amante dell’aria e della luce, usa diverse forme espressive che spaziano da forme realistiche 
per arrivare a un segno forte, talvolta violento, ed infine ad un rigoroso controllo formale in cui
 il sentimento diventa simbolo.
Nei suoi quadri si nasconde un’emozione: per l’artista è importante riuscire a condurre la mente 
al di là di ciò che gli occhi vedono, riesce a raccontarci la propria gioia di vivere, il suo amore per il mondo.
Demò realizza un gran numero di opere, molte delle quali acquistate da privati e gallerie.
Moltissime le sue mostre in Italia, ma soprattutto all’estero.
Espone, infatti, tra le altre, nelle seguenti città straniere: Barcellona (Spagna), Dubai (Emirati Arabi Uniti),
Parigi (Francia), Cannes (Francia), Monte Carlo (Principato di Monaco), Bratislava (Slovacchia), Valletta (Malta),
Belo Horizonte (Brasile), Mosca (Russia), San Pietroburgo (Russia), Krasnodar (Russia), New York e Miami (Stati Uniti).

Josè Van Roy Dalì, figlio del mentore del surrealismo Salvador Dalì, ha così scritto:
L’elemento che contraddistingue la pittura di Demò é il contatto fisico con il colore.
Non usa freddi ed inanimati pennelli, ma materiali pieni di energia creativa, come in questo caso resina su plexiglas a spatola, che plasmano l’impasto cromatico.
Questa materialità conferisce alle opere di Nicodemo, oltre ad una inaspettata vitalità, la consistenza materica necessaria per generare particolari giochi di luce e ombre.
Sicché l’elemento luminoso diventa un protagonista importante nell’orchestrazione dell’immagine.
Accompagnandosi ad un insolito segno, rivela ogni vibrazione della personalità e della pittrice.
Indicando la via interpretativa di una intimistica dialettica fortemente voluta dall’artista.

Comments are closed.